1-ottobre-1971

Il 1 ottobre 1971, ad Orlando, apre Il Walt Disney World Resort

Accolti da Topolino, il 1 ottobre del 1971 si aprivano le porte ai visitatori di quello che sarebbe stato il primo parco tematico dell’universo Disney sulla costa est degli Stati Uniti.

Walt Disney World Resort a Orlando in Florida, conosciuto anche come Disney World, da resort di intrattenimento negli anni si è arricchito fino a comprendere quattro parchi tematici, Magic Kingdom (1975), Epcot (1982), Disney’s Hollywood Studios (1989) e Disney’s Animal Kingdom (1998), due parchi acquatici Disney’s Blizzard Beach e Disney’s Typhoon Lagoon, 27 hotel a tema, diversi campi da golf, un campeggio, diverse sedi di intrattenimento e uno shopping center. 

Quasi uno stato nello stato che in mezzo secolo ha fatto e fa sognare milioni di visitatori. Concepito come un’integrazione di Disneyland di Anaheim in California, il primo parco Disney aperto nel 1955, fu sviluppato dallo stesso Walt Disney il quale tuttavia morì nel 1966 prima di vedere completata la sua creatura.

Sebbene per molti sia il parco dello svago, l’idea originaria non è proprio quella. Il sogno di Walt Disney è quello di creare una comunità “futuribile”, capace di innovare e vivere al passo con i progressi del mondo della scienza e della tecnologia.

La prima apertura è quella del Magic Kingdom Park, quello con il famoso castello di Cenerentola che lo rappresenta. Poi viene il turno di Epcot. Negli anni ’80 e ’90 toccherà agli Studios e al Disney’s Animal Kingdom che nel 2018 festeggia i vent’anni. L’area, a dire il vero, comprende anche due parchi acquatici, ovvero Typhoon Lagoon e Blizzard Beach.

L’intuizione è geniale. Con questa idea della Disney nascono per la prima volta al mondo i parchi a tema e la città di Orlando, fino a quegli anni non molto conosciuta dal grande turismo internazionale, diventerà una delle più visitate.

La scelta di Walt Disney ricade su quella zona perché situata vicina a un aeroporto, con una buona rete autostradale, con terreni inutilizzati e in gran parte paludosi che i proprietari sono disposti a vendere più che volentieri in quanto inservibili.

Ora è una struttura che offre lavoro a quasi 60 mila persone e ogni anno accoglie in ognuno dei parchi tematici almeno 10 milioni di visitatori, almeno 20 milioni per il Magic Kingdom.