12-luglio-2010

Il 12 luglio 2010, la prima centrale ad idrogeno

Il 12 luglio 2010, a Fusina, vicino  Venezia, viene inaugurata la prima centrale elettrica al mondo alimentata a idrogeno. L’impianto Enel da 16 megawatt si basa su un ciclo combinato per produrre energia e calore.

L’amministratore delegato dell’Enel, Fulvio Conti, il governatore del Veneto, Luca Zaia, e il sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni hanno inaugurato l’impianto. La scelta di Fusina come sede della sperimentazione è dovuta alla presenza della centrale termoelettrica a carbone e del vicino polo petrolchimico di Marghera che ha fornito le materie prime.

L’impianto, con una potenza di 16 Mw, si basa su un ciclo combinato in cui un turbogas viene alimentato con idrogeno per produrre energia elettrica e calore. Il turbogas è equipaggiato con un a camera di combustione sviluppata per essere alimentata con idrogeno, senza emissione di CO2 e con bassissime emissioni di ossidi di azoto.

L’energia termica liberata dalla combustione viene convertita in energia elettrica nella turbina a gas, sviluppando una potenza di circa 12 Mw, mentre i fumi di scarico sono costruiti esclusivamente da aria calda e vapore acqueo. L’impianto ha richiesto un investimento complessivo di circa 50 milioni di euro.

Il rendimento del ciclo viene aumentato sfruttando il calore presente nei fumi di scarico per produrre vapore ad alta temperatura che, inviato alla centrale a carbone esistente, produce ulteriore energia per una capacità aggiuntiva di circa 4 Mw, con un rendimento elettrico complessivo pari al 41,6%.

L’ impianto è in grado di produrre 60 milioni di kilowattora all’anno e può soddisfare l’esigenza di 20 mila famiglie, evitando l’emissione di 17 mila tonnellate di anidride carbonica. Dopo un’ampia sperimentazione, la centrale è in grado di utilizzare in piena sicurezza 70 mila tonnellate di combustibile derivato dalla raccolta differenziata e dal trattamento dei rifiuti solidi urbani (Cdr).

È l’equivalente dei rifiuti prodotti da 300 mila persone: usando al posto del carbone il Cdr per alimentare le caldaie della centrale, ne viene recuperato il contenuto energetico ed evitata la messa in discarica, risparmiando emissioni di CO2 pari a circa 60 mila tonnellate all’anno.