3-luglio-1971

Il 3 luglio 1971, muore Jim Morrison 

Il 3 luglio 1971 a Parigi, il cantante dei Doors, James “Jim” Morrison muore per cause non chiare. James Douglas Morrison, o semplicemente Jim, com’è sempre stato per i suoi fan. Nasce a Melbourne, in Florida, Usa, l’8 dicembre del 1943.

Cantautore, icona del rock, poeta, leader carismatico della band The Doors: probabilmente il gruppo rock americano più importante della storia. Ha incarnato simbolicamente la contestazione giovanile sessantottina deflagrata dall’ateneo di Berkeley e giunta poi in tutta Europa. E’ per tutti una delle icone della rivoluzione di costumi degli anni ’60. La quale ha trovato il suo sbocco politico nelle contestazioni pacifiste contro la guerra in Vietnam.

Profeta della libertà, ha pagato con la vita i suoi eccessi, fatalmente contrassegnati dall’abuso di alcole e droghe. Jim Morrison è, con il chitarrista Jimi Hendrix e la cantante Janis Joplin, uno dei tre rocker caduti nella cosiddetta “maledizione della J”, caratterizzata dalla morte per tutti e tre i musicisti all’età di 27 anni e in circostanze mai del tutto chiare.

L’unico testimone delle ultime ore di vita del cantante è la compagna dell’ultimo periodo della sua vita, Pamela Courson che al tempo aveva 24 anni, cui con abitava nell’appartamento affittato dalla ragazza al quarto piano del numero 17 di rue Beautreillis. La sera del 2 luglio i due erano usciti per andare al cinema dove videro Pursued, che in italiano si intitola Notte senza fine, con Robert Mitchum; dopo il cinema si fermarono per la cena in un ristorante cinese su rue Saint-Antoine e all’una tornarono a casa.

Jim si sedette davanti a un blocco per appunti sperando che gli venisse un’ispirazione per scrivere qualche poesia mentre beveva whisky direttamente dalla bottiglia. Pamela tagliava strisce di eroina su uno specchio usando una carta di credito. Morrison odiava l’eroina e rimproverava a Pamela la sua dipendenza da questa sostanza, ma quella notte trasgredì al suo stesso principio. Forse sistemandola in strisce la ragazza riuscì a fargli credere che si trattasse di cocaina. Jim non riusciva a scrivere nulla e i due iniziarono a tirare l’eroina insieme usando delle banconote arrotolate.

Per un po’ guardarono alcuni filmini in Super-8 delle loro vacanze passate, mentre ascoltavano in sottofondo vecchie canzoni dei Doors. Jim era irrequieto e nonostante fosse piena notte aprì la porta di casa e uscì sul pianerottolo a schiamazzare finché Pamela non lo riportò all’interno dell’appartamento.

Andarono a dormire intorno alle tre, dopo un’altra striscia di eroina. Un’ora dopo Pamela si svegliò disturbata dai lamenti di Jim che sembrava stesse soffocando e annegando nella sua stessa saliva. Non era la prima volta che questo accadeva e la ragazza provò a svegliarlo, lo prese anche a sberle e dovette farlo più e più volte e con molta forza prima che lui rinvenisse. Jim decise quindi di farsi un bagno caldo e dopo che il cantante si stese nella vasca la ragazza tornò a dormire. Poco dopo Pamela fu svegliata di nuovo: Jim stava vomitando.

La ragazza si precipitò in bagno e lo trovò che rimetteva grumi di sangue e pezzi di ananas, corse quindi in cucina a prendere una casseruola che gli portò affinché potesse vomitarci dentro anziché sporcare l’acqua della vasca. La donna quindi gettò il vomito nel lavandino e lavò la casseruola, compì questa operazione per tre volte. Intorno alle cinque Jim disse che si sentiva meglio, ma restò nella vasca mentre Pamela tornò a letto.

Circa un’ora dopo Pamela si svegliò di nuovo e notò che Jim non era tornato nel letto con lei. Corse in bagno e lo trovò ancora nella vasca in stato di incoscienza; provò a svegliarlo ma senza alcun risultato. In preda al panico Pamela chiamò l’amico di Jim Alain Ronay a cui chiese di chiamare un’ambulanza per lei.

Alain e la sua compagna Agnes Varda chiamarono quindi i vigili del fuoco che arrivarono in pochi minuti, guidati dal colonnello Alain Raisson, e lo trovarono immerso nell’acqua tinta di rosa dal sangue e ancora calda. I pompieri lo estrassero dalla vasca e lo stesero sul pavimento della camera da letto seguendo le indicazioni di Pamela. Raisson gli praticò un massaggio cardiaco, ma capì subito che Jim era deceduto.