Gran-Galà-Del-Basket-Campano

Gran Galà Del Basket Campano: le dichiarazioni di Grassi e Sacripanti

Nel corso del Gran Galà Del Basket Campano,con la consegna degli Oscar per la stagione sportiva 2020-2021, tenutasi martedì sera al Teatro Posillipo, ha parlato il Presente della GeVi Napoli Basket, Federico Grassi intervistato da Lucio Pengue:
Abbiamo più punti di quelli che ci aspettavamo. Tutti noi, società, staff tecnico e squadra, stiamo facendo un gran lavoro, che alla fine paga sempre. Sono convinto che mancano ancora quattro vittorie alla salvezza, poi ci divertiamo”.

Final Eight? Non pensavamo di lottare per avere un posto tra le prime 8 al termine del girone d’andata. A maggior ragione dopo le prime 4 partite quando eravamo in fondo alla classifica. Stiamo dando a tutti una grandissima dimostrazione di forza e compattezza”. Credo che la partita della svolta sia stata contro la Bertram Tortona, perché anche gli italiani hanno capito che possono dare il proprio contributo”.

“Abbiamo superato tantissime difficoltà, c’è un bel clima e noi tutti ci aiutiamo l’uno con l’altro. Siamo riusciti ad affrontare tutti gli intoppi con il sorriso sulle labbra, cercando di capire quale fosse la soluzione e dove si può migliorare.I nostri tifosi sono fantastici e nell’ultimo quarto con la Vanoli Cremona la partita l’hanno vinta loro e sentir cantare tutto il palazzetto era da brividi. Spero che domenica accorrano numerosi perché possiamo giocarci il terzo posto in solitaria. La Dolomiti Energia Trento è una squadra tosta, ma l’idea di stare per una settimana in terza posizione da soli, mi stuzzica”.

Era presente anche Coach Pino Sacripanti, che ha ricevuto il premio come Miglior Allenatore dell’Anno, dopo la promozione in Serie A, ottenuta lo scorso giugno e che mancava da 13 anni

Sono onorato di questo premio, è un bellissimo riconoscimento. Sono molto legato a questa terra, mi sono trovato benissimo sia a Caserta che ad Avellino ma Napoli è la più bella di tutte, al di là del Basket. Credo che ci sia molta passione. Mi piace l’idea che i ragazzi possano vedere un po’ di luce attraverso i campioni che hanno davanti. Abbiamo fatto un grande passo dalla A2 alla Serie A1 con anche la vittoria della Coppa Italia. Adesso siamo terzi, ci godiamo il momento. Vogliamo ottenere al più presto gli otto punti che ci consentirebbero di essere sicuri della salvezza. Culliamo il sogno di entrare nelle Final Eight di Coppa Italia, sarebbe un bel risultato”.

“Non mi aspettavo questo posizionamento in classifica a questo punto della stagione, ma ero convinto del nostro gioco. Anche quando all’inizio abbiamo perso qualche gara, abbiamo sempre lottato e imposto le nostre idee, cercando di giocare una buona pallacanestro. Contro Varese abbiamo dominato e fatto quello che volevamo a livello tecnico-tattico.Sono invece poco soddisfatto degli ultimi 6′, nei quali abbiamo mollato pensando di averla già portata a casa. Ci servirà da lezione, anche per i giocatori meno esperti. Abbiamo fatto un ottimo supplementare. Rich è un giocatore di grandissimo livello”.

“La gente vuole sempre vedere il campione e appena qualcosa non va bisogna”tagliare”, ma questo fa parte del gioco. Se abbiamo avuto una bravura, è certamente quella di aver creduto in lui anche quando era fermo perché sapevo con chi avevo a che fare. Sono stato bravo a continuare per la mia strada nonostante le critiche iniziali. All’inizio Rich non era ancora in forma e aveva bisogno di un mese in più per trovare la migliore condizione. Domenica affrontiamo la squadra più in forma del campionato insieme a noi. Trento è fisica, una squadra dura da affrontare. Sarà una partita difficilissima. Entrambe veniamo da un ottimo momento. Ci giochiamo tanto, c’è in palio il terzo posto. Dobbiamo fare tanta strada per riconquistare la fiducia dei nostri tifosi, ma abbiamo anche dimostrato la nostra tanta voglia di fare. Spero ci aiutino tanto in questa partita”.

Photo Credit: Pierfrancesco Accardo