Cristiano-ferrari

I Carabinieri arrestano Pasquale Cristiano

La Tenenza di Arzano hanno arrestato e condotto in carcere Pasquale Cristiano, ritenuto elemento di vertice del gruppo criminale “167”, costola del clan “Amato-Pagano”.

Lo stesso, sottoposto agli arresti domiciliari, veniva autorizzato lo scorso 6 giugno a partecipare alla comunione del figlio, rendendosi protagonista di un “carosello” in Ferrari nelle vie del paese, nonostante gli fosse stata
rigettata la richiesta finalizzata alla partecipazione ai festeggiamenti.

Cristiano, infatti, a bordo di una Ferrari decappottabile, si era aggirato per il centro di Arzano, creando disagio per la circolazione, con modi e tempistiche non compatibili con il percorso imposto.

Il provvedimento è stato adottato dalla Corte di Appello di Napoli su richiesta della Procura Generale, sulla base di un’informativa dei Carabinieri di Arzano che hanno documentato e evidenziato la condotta del Cristiano, ritenuta una vera e propria provocatoria “prova di forza”, finalizzata all’affermazione della sua presenza sul territorio.

Sono stati posti a fondamento dell’ordinanza ulteriori violazioni di Cristiano alla misura alla quale era sottoposto poiché, più volte, aveva manifestato insofferenza ai controlli delle Forze di Polizia.