13-giugno-2005

Il 13 giugno 2005, assolto Michael Jackson

Il 13 giugno 2005 Michael Jackson  fu riconosciuto innocente e assolto da tutti i capi d’accusa. Il cantante era stato accusato di aver molestato , un ragazzo che Jackson aveva aiutato a guarire dal cancro e che aveva tredici anni al momento del presunto abuso.

Jackson fu rinviato a giudizio per dieci capi d’accusa, di cui quattro minori. Quattro per presunte molestie su un minore, quattro per presunta somministrazione di alcool su un minore al fine di commettere tale reato. Uno per presunte tentate molestie su minori e uno per presunta cospirazione, ovvero trattenere il ragazzo e la sua famiglia prigionieri a fini estorsivi. Il 13 giugno 2005, dopo circa quattro mesi di dibattito, la giuria lo riconobbe non colpevole verso tutte le accuse.

Il 3 febbraio del 2003 la Granada Television mandò in onda un documentario dal titolo Living with Michael Jackson del giornalista britannico Martin Bashir. Il giornalista aveva intervistato e seguito il cantante nella sua vita quotidiana per un periodo di otto mesi. Tre giorni dopo fu trasmesso anche negli USA.

In un frammento del documentario veniva presentato Gavin Arvizo, un giovane che Jackson aveva conosciuto tramite un’associazione benefica e che il cantante aveva aiutato a guarire dal cancro pagandogli alcune cure e invitandolo nella sua residenza, il Neverland Ranch, per riprendersi da tali cure.

In una scena del documentario si parlava dell’inaspettata ripresa del ragazzo dal cancro mentre quest’ultimo appoggiava la testa sulla spalla del cantante e lo teneva per mano. Nel video si raccontava anche di una notte durante la quale il ragazzo, allora tredicenne, aveva dormito nel letto della popstar mentre il cantante si era coricato sul pavimento. Jackson spiegava che molti bambini, tra cui Macaulay Culkin, suo fratello minore Kieran e le loro sorelle, avevano dormito nel suo letto.

Il procuratore distrettuale Thomas W.Sneddon Jr. dichiarò che secondo la legge della California se un adulto dorme nello stesso letto con un bambino non commette alcun reato, a meno che non assuma un comportamento offensivo. Successivamente, però, quando la famiglia di Gavin cambierà versione, il procuratore accuserà la popstar di ben 10 capi di imputazione.

Jackson disse di sentirsi tradito dal giornalista e accusò il documentario di averlo mostrato in maniera distorta. Durante il processo che ne seguirà, la difesa mise in evidenza che alcuni spezzoni delle riprese erano stati tagliati in fase di montaggio.

Questi furono proiettati in aula e includevano, tra gli altri, i complimenti di Bashir per il rapporto che la popstar aveva instaurato con i figli; per il bene che faceva aiutando i bambini disagiati che ospitava al Neverland Ranch; i complimenti per il suo rapporto con i ragazzini nel ranch.

La difesa fece notare che nel montaggio finale mandato in onda, questi frammenti di intervista erano stati sostituiti dalla voce fuori campo del giornalista, che asseriva invece di essere stato turbato dal rapporto che il cantante aveva con i bambini.