2-giugno-1953

Il 2 giugno 1953, Elisabetta II viene incoronata regina

Il 2 giugno 1953, nell’abbazia di Westminster, Elisabetta II viene incoronata regina del Regno Unito, Canada, Australia, Nuova Zelanda, Sudafrica, Ceylon e Pakistan. Assumendo così anche il ruolo di capo del Commonwealth. Elisabetta è ascesa al trono di questi paesi in seguito alla morte di suo padre, re Giorgio VI, il 6 febbraio 1952. L’incoronazione avvenne più di un anno dopo la salita al trono, il 2 giugno 1953, in rispetto della tradizione che richiede un periodo di lutto. Durante la cerimonia, la regina Elisabetta giurò solennemente di sostenere la legge nel suo regno e di assumere il governo della Chiesa d’Inghilterra.

Per il giorno della cerimonia di incoronazione, che è costata 4 milioni di dollari, sono stati necessari 16 mesi di preparativi. Nonostante la morte della regina Maria, nonna di Elisabetta, avvenuta il 24 marzo, l’evento proseguì come programmato, per volere di Maria stessa, che nel suo testamento espresse il desiderio che la sua morte non alterasse i piani per l’incoronazione.

Norman Hartnell  ebbe l’incarico dalla regina di realizzare gli abiti di tutti i membri della famiglia reale, ed in particolare il vestito di Elisabetta stessa. Il risultato fu un abito bianco di seta, ricamato con gli stemmi floreali delle varie nazioni del Commonwealth di allora. Inoltre venne ricamato anche un quadrifoglio sul lato sinistro, dove la mano di Elisabetta si sarebbe posata durante la cerimonia.

La cerimonia seguì un protocollo molto simile a quelle precedenti, ma fu la prima incoronazione ad essere ripresa in televisione e trasmessa in eurovisione.

Il 2 giugno 1953, alle 10.15, iniziò la solenne processione dei membri della famiglia reale

Poco prima dell’arrivo di Elisabetta II, la corona di Sant’Edoardo fu portata all’interno dell’abbazia dal Lord grande intendente inglese, Andrew Cunningham, mentre l’arcivescovo di Canterbury, Geoffrey Fisher, attese di fronte alla Great West Door l’arrivo della regina. Elisabetta II, arrivò alle 11 e la processione reale si mosse all’interno della chiesa.  

Elisabetta si sedette poi sulla Chair of Estate sotto all’altare, con accanto alcuni vescovi recanti la Bibbia, la patena ed un calice, mentre i gioielli della Corona furono riposti sull’altare.

La regina indossò la medesima corona portata dal padre, un oggetto di valore storico e materiale inestimabile, ma al contempo particolarmente voluminoso e pesante, con i suoi 1,3 chilogrammi di peso. La regina dichiarò di averne limitato l’utilizzo alle occasioni ufficiali, quali il discorso di apertura dell’anno parlamentare. Pur essendo la forma del capo simile a quella del padre, la corona non permette di chinarsi per leggere un discorso, poiché altrimenti cadrebbe. Chi la indossa è quindi obbligato ad alzare i fogli fino a un’altezza consona alle sue esigenze visive.