napoli-milionaria

Il 25 marzo 1945 debutta al San Carlo “Napoli Milionaria” di De Filippo

Il 25 marzo 1945 Eduardo, con la sua nuova compagnia “Il Teatro di Eduardo con Titina De Filippo”, aveva ottenuto per un’unica rappresentazione, il cui ricavato era a favore dei bambini poveri della città, il Teatro San Carlo di Napoli. Con la guerra finita da pochi mesi, Eduardo portò in scena Napoli Milionaria, scritta probabilmente tra la fine del 1944 e l’inizio del 1945.      

Eduardo De Filippo traspose in questa commedia un affresco della sua città. Scritta durante la guerra, fu portata in scena per la prima volta al Teatro San Carlo. La commedia è un diario di vita napoletana vista attraverso la storia di una famiglia prima, durante e dopo la seconda guerra mondiale.

Come tutte le commedie di De Filippo anche questa fu rappresentata in molti paesi europei. Ma la rappresentazione forse più importante fu quella di Londra nel 1972. La commedia divenne inoltre un dramma lirico in tre atti, con libretto di Eduardo De Filippo e musiche di Nino Rota, che debuttò il 22 giugno 1977 al Festival dei Due Mondi di Spoleto.

Celebre l’espressione, entrata poi nel lessico comune: “Adda passà ‘a nuttata“, ad indicare l’attesa per la fine di un momento difficile. Divenne un film, in cui recitò anche Totò nel 1950 e in un dramma lirico nel 1977. Quando nel settembre 1950 fu proiettato in Italia, il film si rivelò come un successo di pubblico e di critica. Eduardo venne però accusato da alcuni settori politici, che trovarono eco sui giornali, di avere diffamato Napoli e il suo popolo.

Così ribatté Eduardo

Certi giornali hanno scritto che io denigravo Napoli. Ma io i “bassi” li ho ripuliti. Eppoi cosa deve fare l’artista se non “denunciare” uno stato di cose? Questo è il nostro compito. Io non ho denigrato Napoli. La miseria c’è veramente. E io la denuncio.»