panchine-serie-A

Tsunami sulle panchine della Serie A

Non è mai capitato che dopo solo una settimana dal termine del campionato si abbattesse un vero e proprio tsunami sulle panchine della Serie A.

Otto squadre su dieci della parte sinistra della classifica che decidevano di sostituire i propri tecnici, uniche eccezioni Pioli e Gasperini che sono restati saldamente al timone di Milan ed Atalanta, mentre per tutte le altre si riparte da zero.

Questa anomalia ha fatto si che tutti siano andati in confusione, infatti se riavvolgiamo il nastro a martedì scorso possiamo constatare che le principali testate nazionali dichiaravano in pompa magna l’arrivo sulla panchina del Napoli di Sergio Conceicao, che sarebbe giunto di lì a poco a Roma per apporre la firma su un importante contratto biennale.
Gennaro Gattuso pronto a traslocare a Roma, sponda biancazzurra,

Esattamente ventiquattro ore dopo le stesse testate ci informavano che l’arrivo di Conceicao era saltato, De Laurentiis ha comunque negato qualsiasi contatto con il tecnico portoghese. Intanto Gattuso aveva firmato un triennale con la Fiorentina.

Senza voler insegnare niente a nessuno forse in certi casi sarebbe il caso di controllare l’attendibilità delle fonti prima di pubblicare le notizie che, saggiamente, abbiamo evitato di riportare

Al termine di questa pirotecnica settimana, alla Juventus è tornato Max Allegri, con il conseguente allontanamento di Paratici, “conditio sine qua non” per il rientro del tecnico.

Conte, in disaccordo sui programmi societari, ha passato il testimone dei neo “Campioni d’Italia” nelle mani di Simone Inzaghi, che aveva appena rinnovato, a dire della stampa, il suo contratto con la Lazio.

A Napoli, piazza in subbuglio per la mancata qualificazione Champions e per le voci, non confermate, di problemi nati all’interno dello spogliatoio prima dell’ultima decisiva gara con il Verona arriva ufficialmente Luciano Spalletti.
Solito tweet del Presidente azzurro, ed ora tocca al tecnico toscano l’ardua impresa di ricompattare l’ambiente e cosa più complicata provare ad andare d’accordo con il vulcanico Presidente partenopeo.

Ciò che è certo è che la Serie A ha ritrovato dei protagonisti importanti visto che lo  “Special One” si accomoderà su un’altra panchina bollente, quella della Roma.

Senza contare che, ad ora, la Lazio non ha ancora scelto il nuovo tecnico, ma visto i recenti accadimenti meglio evitare  di fare nomi.