San-Bogumilo

La Chiesa solennizza in questo giorno la festa di San Bogumilo

San Bogumilo è stato un santo polacco del XII secolo, le cui reliquie sono venerate a Uniejów. Fino al XV secolo poco si seppe del vescovo Bogumilo, sebbene nel villaggio di Dobrowo, in Polonia, fosse venerato da lungo tempo. L’arcivescovo Mattia iniziò un’inchiesta per ottenere la conferma del culto da parte di Roma, ma la cosa richiese un processo molto lungo.   

Bogumilo e il suo gemello Bogufal discendevano da nobile famiglia polacca e ricevettero un’ottima educazione completando gli studi a Parigi. Il fratello entrò in un monastero cistercense mentre Bogumilo, costruì una chiesa nella nativa Dobrowo, dedicandola alla Santa Trinità.

Dopo l’ordinazione presbiterale divenne parroco nella parrocchia d’origine; lo zio Giovanni, arcivescovo dí Gniezno, lo nominò suo cancelliere con diritto di successione nella sede vescovile. Nel 1167 Giovanni morì e Bogumilo fu consacrato vescovo. Amministrò la diocesi per quasi cinque anni. In questo periodo fondò il monastero cistercense a Koronowo, sostenendolo con rendite che venivano da alcune delle proprietà della sua famiglia.

Benché fosse considerato un vescovo saggio e zelante, era però incapace di imporre una disciplina al suo clero o di porre rimedio agli abusi che egli disapprovava fortemente, così si risolse a chiedere il permesso di rinunciare alla dignità arcivescovile e una volta ottenutolo entrò nell’Ordine camaldolese.

Trascorse il resto della vita in un eremitaggio camaldolese presso Uniejów. Morì nel 1182 e il suo corpo fu traslato nella chiesa, da lui fondata, di Dobrowo.