San-Calogero

La Chiesa solennizza in questo giorno la festa di San Calogero

Le informazioni sulla vita di San Calogero provengono da varie leggende tramandate da scritti e inni in suo onore. Uno dei racconti più accreditati tratto da breviario siculo – gallicano narra che sia nativo di Costantinopoli intorno al I secolo.

Spinto a convertire gli abitanti della Sicilia andò in pellegrinaggio a Roma. Incontrò San Pietro apostolo da cui ottenne il permesso di vivere da eremita in un luogo imprecisato. Qui ebbe l’ispirazione di evangelizzare la Sicilia.

Un’altra versione della sua vita racconta che San Calogero per scampare alla persecuzione dei cristiani nell’Africa settentrionale approdò in Sicilia. La sua provenienza dal continente nero si presume gli abbia dato proprio l’appellativo di “Santo Nero“.  

Successivamente raggiunse le zone più interne dell’isola evangelizzando con grande coraggio la fede cristiana. In tal modo, però, si attirò l’odio dei nemici del Vangelo. San Calogero si rifugiò sul monte Kronio a Sciacca, dove usando le acque delle terme minerali guarì miracolosamente alcuni infermi.

Negli ultimi anni della sua vita il Santo rimase sul monte Kronio perché a causa delle sue precarie condizioni di salute. La storia narra che una cerva che gli forniva il latte, dopo essere stata ferita da un cacciatore, lo condusse nella grotta. Questi si rese conto, con immenso dolore, di avere procurato al povero vecchio eremita un danno irrimediabile.

L’uomo decise allora di restare accanto a San Calogero per curarlo. Quando il Santo spirò, venne sepolto presso la grotta dove fu edificata una chiesetta che è divenuta meta di pellegrinaggio da parte di fedeli. 

Ogni anno il vescovo di Agrigento apre i festeggiamenti benedicendo l’abito dei frati a lui devoti: una tunica bianca che reca sul petto “la pazienza“, cioè lo stemma nero del Santo.