San-Guido-Maria-Conforti

La Chiesa solennizza in questo giorno la festa di San Guido Maria Conforti

San Guido Maria Conforti, nacque a Casalora, frazione di Ravadese in provincia di Parma, il 30 maggio 1865 presso una famiglia numerosa di agricoltori benestanti. Ottavo di dieci figli, raggiunta l’età scolare venne inviato a studiare a Parma presso l’istituto “Fratelli delle Scuole Cristiane”.

Terminati gli studi, Guido decise poi di entrare nel seminario Diocesano. Fu allora che il Santo vide comparire i suoi primi problemi di salute, attacchi di epilessia ed episodi di sonnambulismo. All’età di 23 anni viene nominato sacerdote e a 28 ricopre già la carica di vicario generale della diocesi di Parma.

Nessun istituto missionario accetta le sue domande, per la sua salute troppo fragile non viene considerato in grado di affrontare un’esperienza così impegnativa come quella della missione.

Don Guido non si rassegna e fonda nel 1895 la “Congregazione di San Francesco Saverio per le Missioni estere”. Solo un anno dopo, i primi due Saveriani appartenenti alla sua congregazione partiranno per la Cina.

All’età di 37 anni il Santo viene nominato Arcivescovo di Ravenna ma l’incarico durerà breve tempo: a un anno dalla nomina, Don Guido si ammala e viene costretto a rinunciare all’impegno preso.

Nel frattempo in Cina uno dei suoi “Saveriani” muore, allora il Santo per precauzione fa rientrare presso l’istituto anche il secondo. Nel 1907 Don Guido assume la carica di coadiutore del Vescovo della città di Parma, poco dopo ne diventa il successore.

La carica di Vescovo terrà impegnato il Santo per ben venticinque anni. Anni di impegno costante e di attività frenetica, che però non gli fanno scordare il suo impegno per le missioni.

Nel 1928 Don Guido realizzerà il sogno di una vita, recandosi in Cina per visitare la missione dei suoi Saveriani. Tre anni dopo il fisico sempre più sofferente porterà il Santo verso l’inesorabile fine.