san-tommaso

La Chiesa solennizza in questo giorno la festa di San Tommaso

San Tommaso nacque in Galilea nel I secolo a.C. e fu uno dei dodici che Cristo chiamò intorno a sé quando decise di iniziare la sua predicazione pubblica che lo avrebbe condotto alla crocefissione. Non sappiamo cosa facesse San Tommaso  prima di incontrare Gesù, ma con tutta probabilità era un pescatore come gli altri. Ebbe la sorte di passare tre anni della sua vita con il Figlio di Dio, e nel Vangelo di Giovanni ci sono due episodi, prima della risurrezione, che lo vedono protagonista accanto a Gesù. 

Il primo viene narrato nel vangelo di Giovanni: Gesù è stato raggiunto dalla ferale notizia della morte del suo fraterno amico Lazzaro e decide di tornare in Giudea per vistarlo. Dalla Giudea, però, Gesù e i suoi erano dovuti fuggire perché lì il Nazzareno era malvisto e rischiava la vita. Infatti San Tommaso, appreso che devono tornare, dice “Andiamo anche noi a morire con lui!”. Per questo i cristiani trovano rifugio in San Tommaso: anche lui dubitò ed ebbe paura, come ognuno di noi.
Il secondo episodio , durante l’Ultima cena, San Tommaso tormenta Gesù con le sue domande. Egli dice che loro potranno seguirlo presto sulla via che sta per intraprendere: parla del martirio e della conseguente risurrezione. Ma San Tommaso si spaventa: non conosce la via, e vuole sapere come potrà continuare a seguire il suo Signore. 

Infine Gesù appare ai suoi apostoli riuniti nel cenacolo, risorto dalla morte. Ma Tommaso non c’è e si rifiuta di credere alle parole degli altri. La sua incredulità viene spazzata via da Cristo che gli appare e gli consente di mettere le mani nelle sue piaghe. A questo punto Tommaso non ha più alcun dubbio e, primo tra i discepoli, chiama Cristo con i suoi titoli: “Mio Signore e Mio Dio“. 

Tommaso evangelizzò prima la Siria, poi la Babilonia arrivando fino in India, dove fondò le prime comunità cristiane

Per la Chiesa cattolica è patrono degli architetti, dei geometri, degli agrimensori e come luoghi dell’India e del Pakistan. Morì a Mylapore in India il 12 luglio 72 come martire, ucciso da una lancia, per ordine del re Misdaeus individuato in Vasudeva I.

I suoi resti sono nella Basilica di San Tommaso apostolo ad Ortona, in Abruzzo, dove furono traslate dall’isola di Chios dove il santo era stato sepolto. A partire dal XIII secolo si diffuse l’uso di compiere un pellegrinaggio lungo il cammino di San Tommaso, che va da Roma ad Ortona.