santa-Flavia-domitilla

La Chiesa solennizza in questo giorno la festa di Santa Flavia Domitilla

Santa Flavia Domitilla nel corso della propria vita terrena si è distinta per la sua incrollabile fede. Subì un terribile martirio nonostante fosse la nipote dell’imperatore Domiziano. Stando ad alcuni studi storici effettuati, la Santa, dovrebbe essere nata a Terracina nella seconda metà del I secolo D.C.

Flavia Domitilla nacque all’interno di una potente dinastia romana, i Flavi, e figlia di Flavia Domitilla minore figlia dell’Imperatore Vespasiano. Come detto, era nipote di Flavia Domitilla Maggiore e del marito Domiziano che poi venne incoronato imperatore. Secondo alcuni studi la sua data di nascita potrebbe essere l’anno. All’età di 9 anni, deve sopportare il dolore della scomparsa della madre. Così crebbe senza un vero e proprio punto di riferimento nei palazzi del potere romano.

Una serie di vicissitudini anche di genere politico, la portano a prendere in sposo un suo cugino e figlio di Tito Sabino. Durante questo periodo la principale occupazione della donna, anche se non ci sono delle conferme dal punto di vista storico, sarà quella di occuparsi della crescita dei figli dello stesso imperatore Domiziano. Tuttavia si pensa che fossero i suoi figli, nati nell’ambito del matrimonio con Tito Flavio Clemente che lo stesso imperatore aveva adottato per una serie di ragioni.

I problemi per lei arrivarono nel momento in cui Domiziano essendo un fervente pagano, decise di mettere in atto una terribile persecuzione nei riguardi dei cristiani. Per questo la Santa si oppose fortemente ed in ragione del suo credo cristiano fu fatta oggetto di un terribile martirio che si consumò sull’isola di Ponza. Su quest’ultimo aspetto ci sono altre fonti che parlano di un martirio che si sarebbe consumato a Ventotene. Santa Flavia Domitilla morì il giorno del 7 maggio tra il 95 ed il 100 dopo Cristo.