giudo-scali

La Geko Sant’Antimo ha ufficializzato l’accordo biennale con l’ala toscana, Guido Scali

Giudo Scali, 24 anni ma già titolare di un curriculum ricco di esperienze di livello e infiocchettato dalla promozione conquistata con Rimini poco più di un mese fa. Swingman di 195 cm per 96 kg, Scali è cresciuto cestisticamente nel vivaio empolese, quello della sua città, per poi passare giovanissimo all’AuroraJesi con cui ha esordito in A2 già nella stagione 2015-16.

Nell’estate del 2017 il passaggio a S.Giorgio su Legnano dove si guadagna subito minuti e responsabilità, quindi a metà della stagione 2018-19 l’approdo ad Omegna dove trova il nostro Carlo Cantone, segna subito 8.6 punti a gara e vince da MVP la Coppa Italia di B. Resta in Piemonte fino alla stagione 2020-21 (l’ultima chiusa a 9 punti e 8 rimbalzi di media), quindi riparte da Molfetta dove in 26 partite realizza 12.2 punti con il 62% da 2 e tira giù quasi 9 rimbalzi a partita (il suo high di 25 punti arriva proprio contro Sant’Antimo).

A salvezza acquisita il passaggio a Rimini con cui gioca il finale di stagione e festeggia la promozione in A2.

Le parole di Guido Scali

“Sono davvero contento di questa nuova avventura che affronterò con mille stimoli ho trovato nella società dei progetti e delle ambizioni chiare, e personalmente penso che a Sant’Antimo potrò continuare il mio percorso crescita. Vincere il campionato con Rimini è stato bello, è un traguardo che avevo sfiorato già altre volte in passato ad Omegna, ma la verità è che in quest’occasione ero l’ultimo arrivato, ho avuto poco spazio e ho tanta voglia di dimostrare e confermare che quello è il mio livello. Non mi sono mai fermato, ho continuato a lavorare anche in questi giorni e sono carichissimo. A Sant’Antimo poi ritroverò Carlo Cantone, il mio capitano ad Omegna, una persona speciale che è stata molto importante per il mio percorso personale e che sono sicuro lo sarà ancora”.

Le dichiarazioni di Vittorio Di Donato, Gm della PSA

“Scali era un profilo che seguivamo già da qualche anno. Un ragazzo che sin dalla prima chiacchierata mi ha dato l’impressione di avere le idee molto chiare e che soprattutto ha spostato il nostro progetto senza esitazioni. Con lui abbiamo siglato un accordo biennale perché crediamo che sia un elemento fondamentale per il presente e il futuro di questa squadra”.