Mbda-Fusaro

Cresce l’occupazione, nonostante il Covid

Il sito industriale di Mbda del Fusaro, a Bacoli (Napoli) compie 100 anni ed incrementa l’occupazione (+ 5,7%) in era Covid, tra 2019 e 2021.
Nello stabilimento dove nel 1921 la “Fabbrica di siluri italiana” cominciava la propria attività, oggi si producono i seeker, i radar che costituiscono il “cervello dei missili” .

Il managing director di Mbda, Lorenzo Mariani, ha detto ai giornalisti

Si tratta di una eccellenza industriale del territorio dove, anche durante le fasi di lockdown, l’attività’ non si e’ interrotta. Si e’ registrato un aumento delle ore di lavoro, senza nessun ritardo nelle consegne“.

Tra un anno e mezzo gli oltre 450 dipendenti lavoreranno tutti ai terminali, senza uso di carta. La ristrutturazione dello stabilimento in corso, dovrebbe terminare nel 2025. I seeker (radar) prodotti al Fusaro utilizzeranno l’intelligenza artificiale, con algoritmi che sono già’ in fase di sperimentazione.

La commessa vale “alcune centinaia di milioni”, ha detto Mariani

Una quota importante della produzione dei missili CAMM-ER frutto della collaborazione tra i Governi di Italia e Gran Bretagna, sara’ realizzata qui, fino al 2025.
La produzione di serie dei CAMM-ER (extended range) comincerà’ nel corso del 2022.

Dei tre stabilimenti di Mbda Italia (Roma, La Spezia, Bacoli), quello del Fusaro, e’ addetto alla realizzazione dei test equipment in radio frequenza, delle antenne e delle telemetrie.
MBDA e’ una joint venture tra Italia, Gran Bretagna, Francia e Germania, con una partecipazione di Leonardo del 25% , Airbus (37,50) e BAE

(ANSA)