San-Vulmaro

La Chiesa solennizza in questo giorno la festa di San Vulmaro

San Vulmaro, nato nel VII secolo nei dintorni di Boulogne nella Francia settentrionale, si sposò, ma successivamente entrò nell’abbazia di Hautmont a Hainault come servitore, guardiano del bestiame e boscaiolo del monastero.

Non è chiaro per quale motivo lasciò la moglie. Osterhildam, forse era già sposata e il suo primo marito persuase un tribunale a ottenere il permesso di ricondurla a casa.

San Vulmaro, dopo un certo periodo, fu ordinato sacerdote e lasciò Hautmont per vivere per alcuni anni in un eremo vicino al monte Cassel. Fondò poi un monastero vicino a Calais, successivamente conosciuto come abbazia di Samer, che sopravvisse fino alla Rivoluzione francese.

San Vulmaro, fondò un altro monastero a Wierre-aux-Bois, a circa un miglio da Samer. Il re dei sassoni, Caedwalla, attraversò quella zona recandosi a Roma per essere battezzato nel 688 e contribuì a finanziare il monastero.

A San Vulmaro furono attribuiti molti miracoli, mentre era in vita, che continuarono poi ad accadere sulla sua tomba.

Le spoglie furono traslate prima a Boulogne e poi all’abbazia di Mont-Blandin a Gand, dove rimasero finché furono distrutte.