San-Bertoldo-di-Parma

La Chiesa solennizza in questo giorno la festa di San Bertoldo di Parma

San Bertoldo nacque a Parma verso il 1072 da una famiglia straniera: inglese il padre, Abbondio, brèttone la madre, Berta. Erano giunti in Italia, poverissimi artigiani, fuggendo l’invasione normanna dell’Inghilterra, e in un primo tempo si stabilirono a Milano, dove Abbondio esercitò il mestiere del calzolaio, ma con poca o punta fortuna. Passarono allora di là dal Po, fissandosi a Parma.

A sette anni, il ragazzo lavorava già nella bottega paterna, aiutando nello stentato mestiere. Ma a dodici, Bertoldo abbandonò lesina e trincetto, per servire il Signore con pari zelo e immutata umiltà. Dovette vincere la resistenza dei genitori, del padre soprattutto, che forse nutriva per quell’unico figlio l’ambizione di tutto quanto era stato a lui negato dalla vita.      

Ma la vocazione di Bertoldo, pur nella sua semplicità, fu più forte delle ambizioni paterne, e il ragazzo poté così cambiare la bottega del calzolaio per la chiesa parmense di Sant’Alessandro, presso la quale esisteva un monastero di monache Benedettine.

Le sue mansioni, nella chiesa di Sant’Alessandro, furono quelle di un sagrestano; un sagrestano che faceva parte della comunità, e ne viveva la Regola con puntualissimo zelo.       

Viveva alla base del campanile, ed era desto prima dell’alba, per pregare davanti all’altare, dopo aver tutto preparato per le prime Messe. Indossava un cilicio, e ogni venerdì si flagellava.

Sempre obbediente, umile e sereno, le monache lo additavano addirittura come modello alle giovani novizie. Con il permesso del Superiore, fu pellegrino a Roma e poi in Francia, dove visitò l’ospedale di Sant’Antonio Abate, lasciandosi dietro il ricordo di prodigiose guarigioni.

E umili, toccanti miracoli gli vennero attribuiti anche dopo il ritorno a Parma, dove morì ancora giovane, mentre pregava, salutato da un insistente stormo di campane.