vittime-covid

Un minuto di silenzio per ricordare le vittime del covid

L’inno di Mameli ad accompagnare l’alzabandiera e poi un minuto di silenzio per ricordare le vittime del covid. Così la città di Napoli ha celebrato la Festa della Repubblica in Piazza Plebiscito. Uno sguardo e un pensiero al dramma della pandemia ma anche con un occhio al futuro.

In piazza infatti quest’anno accanto ai rappresentanti delle istituzioni e alle diverse cariche civili, militari e religiose, hanno partecipato anche piccoli alunni di alcune scuole elementari “schierati” e “armati” di bandierine tricolori mentre sul limitare della piazza si sono rivisti i cittadini li per assistere alla cerimonia.

Le parole di Carlo Sibilia, sottosegretario al Ministero dell’Interno

Viviamo un momento particolare in cui l’agognata normalità deve ritornare ma oggi il mio pensiero è quello di tutto il Governo va alle tante vittime e alle loro famiglie. Oggi abbiamo dei grandi alleati: i vaccini e sono 35 milioni gli italiani che hanno avuto la prima dose. Sono12 milioni gli italiani che hanno completato il percorso vaccinale. Oggi Festa della Repubblica è anche il momento per rinnovare la nostra riconoscenza alle forze civili, alle forze dell’ordine, ai sanitari grazie ai quali possiamo raccontare una nuova storia“.

Sibilia ha sottolineato la necessita “di ritrovare quello spirito di squadra così come accadde 75 anni fa per costruire un’Italia più sostenibile, moderna che tenga in equilibrio salute, ambiente ed economia“.

Ad aprire la cerimonia è stata la Fanfara dell’VIII Reggimento dei Bersaglieri seguita dallo schieramento della Compagnia Formazione Interforze articolata su nove plotoni.

Subito dopo la cerimonia dell’alzabandiera, il prefetto Marco Valentini ha letto il messaggio, indirizzato ai prefetti, del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, chiedendo poi ai presenti di osservare un minuto di silenzio “per ricordare e onorare” le vittime della pandemia.

Alla cerimonia, tra gli altri, hanno partecipato l’arcivescovo di Napoli, monsignor Domenico Battaglia, e il presidente del Consiglio regionale della Campania, Gennaro Oliviero.

(ANSA)